store   l   fotogallery   l   albinoleffe news   l   web tv   l   facebook   l   twitter   l   newsletter   l   scrivici         
 
Settore Giovanile   Progetti formativi

Progetti formativi
Lunedì 24 Settembre 2012 10:27
Share |
Calcio e razzismo: la Berretti si confronta sul film Glory Road


In data odierna, 14 aprile 2015, si è tenuto il secondo incontro formativo dedicato al Settore Giovanile, circa tematiche di carattere etico-sociale. Questa volta il tema del giorno è stato il rapporto sport.razzismo, argomento sempre di grande attualità.

L'incontro, tenuto dallo psicologo bluceleste¬†Daniele Ceserani, √® stato sviluppato partendo da una riflessione condivisa sul film ‚ÄúGlory Road - Vincere cambia tutto‚ÄĚ, pellicola del 2006 che narra la storia della squadra di pallacanestro¬†Texas Western Miners. Il team si trov√≤ a disputare un'eccezionale¬†regular season¬†nel campionato 1965-66 con 23 vittorie e 1 sola sconfitta, centrando cos√¨ l'ingresso al torneo finale del 1966 della¬†NCAA¬†e sconfiggendo nell'ultima gara l'Universit√† del Kentucky¬†con un quintetto base di soli giocatori di colore.

Partendo da un'ampia riflessione sui valori dello sport attraverso la modalit√† del¬†focus group, i ragazzi si sono confrontati con lo psicologo sul reale stato del fenomeno del razzismo nel calcio italiano e, pi√Ļ nello specifico, nella realt√† giovanile a cui essi appartengono.

I giocatori si sono dimostrati interessati all'analisi emersa, condividendo l'idea che tale fenomeno, seppur in diminuzione, rimane un elemento presente nel panorama calcistico italiano ed internazionale da combattere attraverso comportamenti che mirino all'inclusione ed alla valorizzazione delle qualità sportive di ogni atleta aldilà del paese di appartenenza e della cultura d'origine.

Questo il commento di Ceserani su quanto discusso: ‚ÄúSono rimasto piacevolmente colpito dalla maturit√† con cui alcuni di questi giovani ragazzi hanno saputo analizzare in senso critico un fenomeno particolarmente delicato e di cui, fortunatamente, rimangono estranei nella quotidianit√† della nostra societ√† sportiva. L'AlbinoLeffe, in questo senso, deve continuare ad essere un esempio di integrazione e promozione di una formazione calcistica che miri ad un'educazione sociale, oltre che tecnica, tattica ed atletica‚ÄĚ.


Doping e alimentazione: tre categorie giovanili a lezione dal Dott. Sprenger


Giovedì 22 gennaio 2015, presso il Centro Sportivo U.C. AlbinoLeffe di Zanica, si è tenuto un incontro con le categorie Berretti, Allievi e Giovanissimi Nazionali, in cui la società ha voluto approfondire tematiche quali doping e alimentazione, argomenti di fondamentale importanza anche a livello giovanile.

L'appuntamento, espressamente richiesto dalla¬†FIGC¬†per sensibilizzare i pi√Ļ giovani su temi di estrema attualit√†, ha visto la partecipazione del Medico della¬†Prima Squadra¬†bluceleste, il Dottor¬†Claudio Sprenger, che attraverso una presentazione ha evidenziato gli oneri etici, sportivi e normativi relativi all'utilizzo di farmaci durante la pratica sportiva, evidenziando i rischi a cui ogni ragazzo pu√≤ andare incontro in seguito ad un utilizzo improprio di sostanze.¬†Il convegno ha poi toccato il tema della corretta alimentazione sportiva: Sprenger ha sottolineato le esigenze nutrizionali prima e dopo la pratica sportiva, evidenziando anche l'importanza di una corretta idratazione nel corso della gara.

‚ÄúIn pieno accordo con i valori veicolati dalle autorit√† sportive, la nostra Societ√† si √® fatta carico con entusiasmo di questa importante iniziativa, focalizzandosi sull'organizzazione di alcuni incontri formativi sulle tematiche di maggior interesse per i ragazzi del Settore Giovanile¬†- ha detto Sprenger -.¬†Per questo motivi, non si potevano tralasciare temi quali il doping e l'alimentazione, concetti di cui sia giovani in rampa di lancio che qualsiasi amante del calcio devono essere a conoscenza. Come ho pi√Ļ volte ripetuto ai ragazzi, il calciatore, qualsiasi sia la sua et√†, √® sempre responsabile di ci√≤ che assume sia volontariamente che involontariamente: bisogna essere vigili e accorti a salvaguardare il calcio pulito e ricordarsi che le regole sportive non ammettono ignoranza‚ÄĚ.



Prevenzione al Calcioscommesse: il Settore Giovanile torna in aula


Tornano in aula i ragazzi del Settore Giovanile dell'U.C. AlbinoLeffe. Non a scuola, ma nella sala conferenza del Centro Sportivo di Zanica dove si è svolto il terzo incontro formativo dedicato alle tematiche di tipo sociale. L'appuntamento, al quale hanno partecipato due categorie nazionali, ha visto come focus l'analisi dei rischi collegati al calcioscommesse ai quali sono esposti i giovani calciatori. A tenere l'incontro il Segretario Generale bluceleste Simone Farina e lo psicologoDaniele Ceserani.

Il primo passo è stato l'analisi di filmati che mostravano gli errori commessi da alcuni giocatori, con l'intento di capire se questi fossero stati voluti o meno dagli stessi protagonisti. Quello che è emerso è che, anche dopo un'attenta analisi, risulta difficile dare un giudizio definitivo e stabilire con esattezza il confine tra errore tecnico e fatto premeditato. Partendo da ciò, sono stati evidenziati tutti i rischi a cui sono sottoposti i giocatori, sottolineando quale sia l'atteggiamento da tenere: rimanere vigili e segnalare in ogni momento l'avvicinamento da parte di certi personaggi o episodi dubbi.

Successivamente è stato spiegato il funzionamento del sistema di monitoraggio da parte degli organi competenti e sono state elencate tutte le conseguenze che il fenomeno del calcioscommesse può portare ai giocatori: in particolare si è fatto riferimento alle sanzioni della giustizia ordinaria e sportiva, ma si è parlato anche delle conseguenze dal punto di vista dell'immagine e dei i rapporti personali che posso condizionare per sempre la vita dell'atleta.

L'incontro si √® concluso con l'esposizione di articoli di giornale che evidenziano tali conseguenze, ovvero arresti, minacce di morte, sanzioni sportive e rapporti con l'esterno. Il momento pi√Ļ significativo √® stato quello della lettura della pagina Wikipedia di un giocatore in passato coinvolto nel calcioscommesse nel quale veniva costantemente fatto riferimento alla sua attivit√† illecita.

Simone Farina ha commentato cos√¨ l'appuntamento odierno: "√ą stato un incontro importante perch√® abbiamo affrontato coi i ragazzi un argomento solo in apparenza lontano dalla loro dimensione. Molti giocatori si avvicineranno presto alla Prima Squadra¬†ed √® nostro dovere metterli in allerta e prepararli davanti a quelli che possono essere gli episodi che, purtroppo, ancora oggi continuano a condizionare il calcio italiano. La risposta dei ragazzi √® stata positiva: hanno dimostrato partecipazione e sensibilit√† nell'affrontare questa importante tematica".

Gli fa eco Daniele Ceserani: "L'importanza di tale incontro √® da ricercare nell'ottica del percorso formativo educativo che l'AlbinoLeffe propone ai giovani del proprio settore giovanile. √ą fondamentale che i ragazzi siano riusciti a cogliere le affinit√† di tale argomento con la vita di tutti i giorni".


 
 
 
 
Linea diretta
 
 
 

 
   
 

2009-2017©Unione Calcio AlbinoLeffe S.r.l. P. IVA 02403060169 Codice Fiscale: 02403060169 Capitale Sociale Euro 2.907.679,00 interamente versato
CCIAA: BG 02403060169 REA: BG 287038 Credits www.dpsonline.it